Montaggio e funzionamento di uno scaldabagno elettrico in casa

Lo scaldabagno elettrico è ancora uno dei metodi più semplici e più presenti nelle nostre case per scaldare l’acqua per lavarsi, cucinare, pulire.

Uno scaldabagno elettrico non ha una vita lunghissima, dai 5 agli 8 anni, dopo è necessario cambiarlo. Per fortuna non è un’operazione tanto complicata da dover chiamare un idraulico. Con un po’ di lavoro e le giuste informazioni si può cambiare lo scaldabagno elettrico da soli, anche se serve un minimo di praticità con attrezzi, tubature e collegamenti elettrici.

Quando si deve cambiare lo scaldabagno elettrico

Come puoi sapere se hai bisogno di un nuovo scaldabagno? Il tuo scaldabagno non riscalda più l’acqua a dovere? Forse con un po’ di manutenzione puoi rimediare, almeno per un po’ di tempo.

Ma se il tuo scaldabagno ha uno dei seguenti problemi, forse è l’ora di cambiarlo con uno nuovo ed efficiente:
Alcuni segnali che ti servono un nuovo scaldabagno sono una vecchia unità, acqua arrugginita, acqua calda insufficiente, rumore o perdite.

  • scaldabagno vecchio: puoi verificare l’ età dello scaldabagno sull’etichetta del produttore di solito bene in vista. Se ha più di 6-7 anni è bene cambiarlo, anche per un discorso di efficienza energetica
  • L’ acqua calda dura poco. Lo scaldabagno non riesce più a mantenere calda l’acqua
  • Rumori insoliti. Borbottii, gorgogli non sono un buon segnale
  • Perdite. La causa più comune per cui si cambia lo scaldabagno. il contenitore perde acqua.

Comprare uno scaldabagno nuovo

La targhetta sul serbatoio attuale indica le dimensioni e specifiche energetiche che facilitano l’acquisto di un’unità simile a quella già in possesso. Però la tua famiglia potrebbe essere cresciuta o i figli si sono sposati e non abitano più con te, quindi potresti aver bisogno di uno scaldabagno di dimensioni differenti.

Di quale dimensione hai bisogno per il serbatoio di acqua calda?
Se la famiglia è composta tra 1 e 2 persone, basta uno scaldabagno fino a 50 litri. Se hai una famiglia più numerosa, scegli dimensioni maggiori.

Nella scelta della capacità del serbatoio tieni conto di due fattori:

  • Lo scaldabagno pieno d’acqua pesa. Non montare serbatoi sovradimensionati su pareti che non possono sopportarne il peso.
  • Più acqua c’è maggiore è l’energia necessaria per scaldarla. Un serbatoio troppo grande per la tua famiglia significa maggiori costi per l’elettricità non giustificati.

Per avere maggiori informazioni sulle dimensioni dello scaldabagno e altre caratteristiche che ti possono aiutare nella scelta visita il sito scaldabagnoelettrico.com .

Scaldabagno senza serbatoio

Una soluzione poco utilizzata è lo scaldabagno senza serbatoio, o a richiesta.

In questo tipo di scaldabagno l’acqua non viene stoccata e riscaldata in un serbatoio, ma viene scaldata al momento della richiesta, cioè quando si apre il rubinetto dell’acqua calda.

Questo sistema elimina le perdite di calore in standby dal serbatoio e riduce il consumo di energia dal 20 al 30 percento . Con questi sistemi non si esaurisce mai l’acqua calda, ma non sono indicati se si ha bisogno di molta acqua calda, perché hanno un limite di acqua che possono riscaldare al minuto. Questa portata potrebbe essere sufficiente se la tua famiglia non usa l’acqua calda in più di una posizione allo stesso tempo (ad esempio, facendo la doccia e facendo il bucato contemporaneamente).

Come si cambia lo scaldabagno

scaldabagno elettrico

Rimozione del vecchio scaldabagno

  • Interrompi l’elettricità dall’apposito interruttore. se non si ha un interruttore dell’elettricità specifico per lo scaldabagno, staccare l’interruttore generale. Per maggior sicurezza puoi utilizzare un tester per assicurarti che l’alimentazione sia disattivata.
  • Apri il coperchio dove sono i collegamenti elettrici e stacca i fili.
  • Proteggi i collegamenti dei fili con del nastro adesivo.

Svuotare il serbatoio

Ti servirà un tubo flessibile da giardino per svuotare il vecchio scaldabagno.

  • Chiudi la linea di alimentazione dell’acqua fredda e collega il tubo da giardino alla valvola di scarico che trovi sul fondo dello scaldabagno.
  • Apri un rubinetto dell’acqua calda per svuotare più rapidamente il serbatoio.
  • Apri la valvola di scarico e svuotare completamente lo scaldabagno in secchi o in uno scarico.
  • Quando il serbatoio è vuoto, disconnetti le linee di alimentazione dell’acqua.
  • Il serbatoio vuoto non è molto pesante. Con un po’ di attenzione dovresti riuscire a sganciarlo dai supporti sollevandolo leggermente e poi poggiandolo delicatamente a terra.

Installazione del nuovo scaldabagno

Montare il nuovo scaldabagno è molto più facile che rimuovere il vecchio.

La valvola di temperatura e pressione può non essere preinstallata. Controlla se ci sia, e se non è neanche nella scatola potrebbe essere necessario acquistarne una a parte. NON riutilizzare la vecchia valvola. La valvola T & P si apre automaticamente se la temperatura o la pressione diventano troppo elevate per il serbatoio.

  • Agganciare il nuovo scaldabagno al supporto a muro. assicurarsi che sia bene ancorato.
  • Avvitare i flessibili dell’acqua calda e fredda al nuovo scaldabagno. Attenzione alle guarnizioni. Ovviamente non invertire i tubi.
  • Collegare i fili elettrici
  • Aprire la condotta dell’acqua ed attendere il riempimento del serbatoio
  • Per favorire la fuoriuscita dell’aria dal serbatoio è utile aprire un rubinetto dell’acqua calda.
  • Accendere l’interruttore della corrente per attivare lo scaldabagno.
Montaggio e funzionamento di uno scaldabagno elettrico in casa ultima modifica: 2019-06-08T12:38:23+02:00 da admin-Salvatore

Cosa ne Pensi ? Vuoi lasciare un commento ?

Utilizziamo i tuoi dati solo per poter pubblicare il tuo commento.Leggi la pagina della privacy policy per sapere come proteggiamo i dati che inserisci per commentare. I commenti sono protetti da spam da Akismet. Leggi la privacy policy di Akismet per sapere come trattano i tuoi dati.