Ora il Rent to buy è più chiaro, l’Agenzia delle Entrate chiarisce le regole

acquisto casa a rateL’Agenzia delle Entrate ha emanato una circolare che fa un quadro completo dell’aspetto fiscale del Rent to Buy o affitto conto vendita, a seguito D.L. 12 settembre 2014, n.133, detto “sblocca Italia” .

Nella circolare n. 4 del 19 febbraio 2015 l ‘Ade li chiama contratti di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili. La nuova tipologia contrattuale introdotta con l’articolo 23 del D.L. 133, chiarisce la relazione illustrativa alla norma in commento, “è a ‘maglie larghe’ per consentire all’autonomia privata di meglio modulare il contenuto del contratto in funzione delle specifiche esigenze e nell’ottica del miglior soddisfacimento degli interessidi entrambe le parti”.

 Si tratta di contratti, diversi dalla locazione finanziaria, che prevedono l’immediato uso di un immobile,sia strumentale che abitativo, con diritto per il conduttore di acquistarlo entro un termine prefissato scontando una parte di canone come anticipo sull’acquisto.

In pratica si concorda un importo mensile di cui una parte varrà come canone di affitto e un’altra come rata dell’acquisto dell’immobile.

Non esiste obbligo per entrambe le parti del contratto al trasferimento della proprietà dell’immobile, ma è presente un diritto di acquisto attribuito ad una sola delle parti (il conduttore) che, qualora esercitato, obbliga la controparte (il locatore-proprietario) a cedere l’immobile.


In caso di risoluzione per inadempimento del concedente, è fatto allo stesso obbligo di restituire al conduttore la parte dei canoni imputata a corrispettivo (non la quota affitto), maggiorata degli interessi legali.

 

In caso di risoluzione per inadempimento del conduttore, il concedente ha, invece, diritto alla restituzione dell’immobile e fa propri per l’intero, i canoni a titolo di indennità, se non èstato diversamente convenuto dal contratto.

 

Particolare attenzione è posta, inoltre, dal legislatore alla disciplina della risoluzione per inadempimento contrattuale. La norma prevede, infatti, la risoluzione del contratto nel caso di mancato pagamento, anche non consecutivo, di un numero minimo di canoni, determinato dalle parti in misura non inferiore ad un ventesimo del loro numero complessivo.
le regole del rent to buy
La circolare prosegue poi con la spiegazione dettagliata degli adempimenti fiscali relativi a Imposta sui redditi, IRAP, IVA e Imposta di Registro, differenziando il trattamento fiscale del concedente in regime di impresa o meno.

 

E’ un regime fiscale piuttosto complicato, visto che le due componenti della rata mensile, quota canone di affitto e quota anticipazione sul trasferimento, devono essere trattate separatamente secondo il regime previsto per le locazioni e per le compravendite.
Ora il Rent to buy è più chiaro, l’Agenzia delle Entrate chiarisce le regole ultima modifica: 2015-02-22T10:30:28+00:00 da admin-Salvatore

Cosa ne Pensi ? Vuoi lasciare un commento ?

Questo sito può utilizzare i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi